Ski news: Skeleton

  1. Martins Dukurs si conferma il re incontrastato dello skeleton maschile. Il lettone ha conquistato il quarto titolo mondiale consecutivo (sesto complessivo) sulla pista canadese di Whistler, realizzando il miglior tempo in tutte e quattro le manches disputate. Alla fine il suo tempo di 3'28"11 è risultato ben inferiore a quelo realizzato dal russo Nikita Tregubov, bravo a rimontare una posizione rispetto alle tre manches precedenti per mettersi al collo la medaglia d'argento a 51 centesimi. Bronzo invece al campione olimpico coreano Yun Sungbin a 88 centesimi, con una bella rimonta che gli ha permesso di recuperare tre posizioni. In casa Italia c'è il venticinquesimo posto di Joseph Luke Cecchini. Il portacolori dello Sci Club Selvino ha realizzato nella terza manche il miglior riscontro cronometro della sua partecipazione, non sufficiente tuttavia ad entrare nella rn per il titolo, riservata ai migliori venti.

    Ordine d'arrivo gara maschile MOndiali Whistler (Can):
    1. Martin Dukurs (Let) 3'28"11
    2. Nikita Tregubov (Rus) +0"51
    3. Yun Sungbin (Cor) +0"88
    4. Christipher Groother (Ger) +0"98
    5. Tomass Dukurs (Let) +1"00
    6. Alexander Tretiakov (Rus) +1"13
    7. Alexander Gassner (Ger) +2"08
    8. Florian Austin (Usa) +2"11
    9. Jung Seunggi (Cor) +2"21
    10. Axel Jungk (Ger) +2"28

    25. Joseph Luke Cecchini (Ita) 2'40"26
  2. Saranno due i rappresentanti dell'Italia ai Mondiali di skeleton in programma dal 2 al 9 marzo a Whistler, in Canada. Il Presidente Flavio Roda ha ufficializzato i convocati con la delibera numero 70 del 28 gennaio 2019: si tratta di Joseph Luke Cecchini (Sci Club Selvino) e Valentina Margaglio (Fiamme Azzurre) che prenderanno parte rispettivamente alla gara maschile e a quella femminile, con le manche divise tra giovedì 7 e venerdì 8, alle ore 18 e 21.30 italiane.

    Cecchini ha 36 anni ed è alla sua quarta partecipazione ai Mondiali: nel 2017 ha ottenuto il suo miglior risultato, chiudendo 25esimo. In questa stagione per il momento non ha ancora disputato una gara di Coppa del mondo e la sua best performance è la nona posizione in Intercontinental Cup a Igls il 15 novembre. Per lui, italo-canadese, sarà un po' come gareggiare in casa.

    Valentina Margaglio, classe 1993, si presenta con aspettative più alte rispetto a Königssee 2017, quando fu 28esima al suo esordio in un campionato del mondo. L'azzurra ha debuttato anche in Coppa del mondo in questa stagione, centrando la top ten nella tappa di Igls.
  3. Valentina Margaglio fa gli auguri alla mamma mostrando un cartello, quando lascia la pista di Igls dopo la seconda manche, e il telecronista della tv ufficiale della federazione internazionale spiega che si può essere fieri di una figlia così. La 25enne piemontese ha anche battuto la testa contro la parete dopo il traguardo mentre era in frenata, ma con il casco protettivo per fortuna non si è fatta nulla e si è rialzata sorridendo, seppur con un pizzico di rammarico per aver chiuso 3 centesimi dietro Sophie Griebel. Ma l'azzurra, alla terza presenza in Coppa del mondo, ha centrato per la prima volta la top ten dopo i due ventesimi posti di Winterberg e Altenberg. Un passo avanti gigantesco.

    Margaglio era già undicesima dopo la prima manche, con il sesto tempo di spinta, il suo punto di forza. Al ritorno in pista si è migliorata, con il quarto tempo di spinta e l'ottavo complessivo, scavalcando così Marina Gilardoni e Mirela Rahneva a chiudendo decima. Un risultato straordinario, proprio perché i progressi alla guida, seppur ovviamente con qualche difetto ancora da limare, sono evidenti. La vittoria, in una valida anche per i campionati europei, è andata all'austriaca Janine Flock, che sulla pista di casa ha dominato entrambe le manche rifilando 43 centesimi alla leader della classifica generale Elena Nikitina e 45 alla tedesca Jacqueline Lölling (ora a -38 dalla russa). La settimana prossima, il 25 gennaio, altra tappa di Coppa del mondo a St. Moritz.

    Ordine d'arrivo skeleton femminile Cdm/Campionati europei Igls (Aut)
    1. FLOCK Janine AUT 1:48.64 
    2. NIKITINA Elena RUS +0.43
    3. LÖLLING Jacqueline GER +0.45
    4. HERMANN Tina GER +0.81
    5. DEAS Laura GBR +0.84
    6. MAIER Elisabeth CAN +0.91
    7. KANAKINA Yulia RUS +1.05
    8. SMITH Madelaine GBR +1.09
    9. GRIEBEL Sophie GER +1.11
    10. MARGAGLIO Valentina ITA +1.14
  4. Manuel Schwärzer discute con il suo allenatore poco dopo aver concluso la seconda manche: il tempo è di 35 centesimi più alto rispetto alla prima, ma è "colpa" della neve che ha rallentato tutti gli atleti da una serie all'altra. La bella notizia, più che altro, è rappresentata dal fatto che l'unico azzurro impegnato nella Coppa del mondo di skeleton fosse di nuovo in pista e questo è già un piccolo importantissimo passo avanti. 

    Il 22enne atleta altesino, alla sua ottava presenza complessiva in Coppa del mondo, la seconda stagionale, ottiene il miglior risultato in carriera superando per la prima volta il taglio e chiudendo al 18esimo posto, migliorandosi di una posizione da una manche all'altra. Al termine della prima non era granché soddisfatto e scuoteva il capo: ventiquattresimo in spinta, dove non eccelle, è riuscito comunque ad entrare nei venti. Poi ha corretto gli errori un paio d'ore dopo, quando è tornato a gareggiare fermando il tempo complessivamente a 1'58"55, a 3"46 dal vincitore Alexander Tretiakov.

    Il russo conquista così il secondo successo consecutivo e resta da solo al comando della classifica generale con 642 punti, staccando il connazionale Nikita Trebugov, oggi terzo al traguardo dietro anche al coreano Yun. La settimana prossima, venerdì 11 gennaio, ad Altenberg ci sarà la Coppa Europa, mentre a Königssee si terrà la quarta gara di Coppa del Mondo che sarà valida anche per i campionati europei.

    Ordine d'arrivo skeleton maschile Cdm Altenberg (Ger)
    1. TRETIAKOV Alexander RUS 57.09 58.00 1:55.09
    2. YUN Sungbin KOR +0.57
    3. TREGUBOV Nikita RUS +0.84
    4. GROTHEER Christopher GER +1.09
    5. JUNGK Axel GER +1.10
    6. FREIHERR VON SCHLEINITZ Kilian GER +1.20
    7. DUKURS Martins LAT +1.23
    8. WYATT Marcus GBR +1.51
    9. FLORIAN Austin USA +1.58
    10. DUKURS Tomass LAT +1.74

    18. SCHWÄRZER Manuel ITA 59.10 59.45 1:58.55 +3.46
  5. Primo successo della stagione per Jacqueline Loelling in Coppa del mondo. La tedesca, terza nella prova d'apertura a Sigulda, si è imposta sul tracciato di casa a Winterberg con il tempo di 1'55"16, con il quale ha preceduto la connazionale Tina Hermann di 67 entesimi, completa il podio l'austriaca Janine Flock a 70 centesimi, mentre la russa Elena Nikitina che comandava la classifica generale alla vigilia è finita al quarto posto ad appena un centesimo dal podio. Positivo esordio di Valentina Margaglio nella coppa più prestigiosa: la piemontese, alla sua prima presenza, si è qualificata per la seconda manche e alla fine ha colto un ventesimo posto a 2250 alal vincitrice, con grandi margini di miglioramento nella guida e ottimi tempi di spinta.

    Niente da fare nella prova maschile per Manuel Schwärzer. L'atleta altoatesino ha chiuso al 24esimo posto la prima manche, mancando così l'accesso alla seconda che spetta ai primi venti della classifica. L'azzurro, al debutto stagionale nella Coppa del mondo dopo aver saltato la tappa inaugurale di Sigulda, è arrivato al traguardo con il tempo di 58"01, a 1"90 da Alexander Tretjakov. Ventiquattresimo anche in fase di spinta, il 22enne non è riuscito a guadagnare posizioni lungo il tracciato.

    La gara è stata vinta dal russo Tretjakov, che a sorpresa ha dominato nettamente entrambe le manche chiudendo con ben 83 centesimi di vantaggio sul tedesco Axel Jungk e 84 sul campione olimpico e vincitore dell'ultima Coppa del mondo Yun Sungbin. Fuori dal podio Nikita Tregubov, che la settimana scorsa aveva vinto a Sigulda.

    Ordine d'arrivo gara femminile Winterberg (Ger):
    1. Jacqueline Loelling (Ger) 1'55"16
    2. Tina Hermann (Ger) +0"67
    3. Janine Flock (Aut) +0"70
    4. Elena Nikitina (Rus) +"71
    5. Mirela Rahneva (Can) +0"97
    6 Sophia Griebel (Ger) +1"25
    7. Laura Deas (Gbr) +1"33
    8. Yulia Kanakina (Rus) +1"37
    9. Kimberley Bos (Ola) +1"40
    10. Jaclyn Narracott (Aus) +1"47

    20. Valentina Margaglio (Ita) +2"50

    Ordine d'arrivo gara maschile Winterberg (Ger)
    1 TRETIAKOV Alexander RUS 56.11 55.96 1:52.07
    2 JUNGK Axel GER 56.69 56.21 1:52.90 +0.83
    3 YUN Sungbin KOR 56.55 56.36 1:52.91 +0.84
    4 TREGUBOV Nikita RUS 56.57 56.38 1:52.95 +0.88
    5 DUKURS Tomass LAT 56.67 56.46 1:53.13 +1.06
    6 GASSNER Alexander GER 56.76 56.45 1:53.21 +1.14
    7 DUKURS Martins LAT 56.87 56.47 1:53.34 +1.27
    8 KEISINGER Felix GER 56.87 56.57 1:53.44 +1.37
    9 MARCHENKOV Vladislav RUS 57.19 56.68 1:53.87 +1.80
    10 WYATT Marcus GBR 56.93 57.07 1:54.00 +1.93 

    24 SCHWAERZER Manuel ITA 58.01 non qualificato per la 2a manche