Scialpinismo

  1. Le strade della Federazione Internazionale dello sci alpinismo (ISMF) e il circuito LGC (La Grande Course) si dividono. Nella stagione 2018/19 appuntamenti del calendario internazionale come Altitoy Ternua, Pierra Menta, Millet Tour du Rutor Extrême e Patrouille des Glaciers non assegneranno più punti per la Coppa del mondo, ma andranno a formare una classifica a parte. A questo le tappe rimangono sei: Bishofshofen (Autria) dal 18 al 20 gennaio 2019 con sprint e individuale), Font Blanca (And) il 27 e 28 gennaio 2019 con individuale e vertical race, Devoluy-La Grande Trace (Fra) il 2 e 3 febbraio con individuale e sprint, Beidahu-Jilin (Chn) dal 20 al 22 febbraio 2019 con individuale, sprint e vertical race, Disentis (Svi) il 23 e 24 marzo con individuale e vertical e Mdadonna di Campiglio (Ita) dal 3 al aprile 2019 con sprint, vertical e individuale. I Mondiali sono in programma Villars sur Ollon (Svi) dal 9 al 16 marzo 2019.
  2. Il Presidente Flavio Roda ha ufficializzato con delibera numero 33 del 7 agosto 2018 la compsizione della squadra di sci alpinismoper la prossima stagione di competizioni. Confermato alla guida del team in qualità di direttore tecnico Stefano Bendetti, saranno nove i componenti della squadra di Coppa del mondo, mentre le formazioni giovanili verranno comunicate nelle prossime settimane. Ecco la lista:

    Direttore tecnico BENDETTI Stefano SC Brenta Team

    SQUADRA SENIOR MASCHILE

    ANTONIOLI Robert    CS Esercito
    BOFFELLI William     SC Roncobello AD
    BOSCACCI Michele   CS Esercito
    EYDALLIN Matteo       CS Esercito
    LENZI Damiano         CS Esercito
    MAGUET Nadir           CS Esercito
    NICOLINI Federico    SC Brenta Team

    SQUADRA SENIOR FEMMINILE

    DE SILVESTRO Alba  CS Esercito
    TOMATIS Katia             SC Tre Rifugi CAI
  3. Si è svolta a Zakopane (Pol) l'Assemblea Plenaria dell'ISMF alla quale hanno presenziato ben 18 nazioni di ben tre continenti: Andorra, Austria, Canada, Cina, Francia, Germania, Italia, Iran, Giappone, Sud Corea, Norvegia, Polonia, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia e Stati Uniti. All'ordine del giorno la votazione di Danimarca, Brasile, Azerbaijan e Armenia come nuovi membri che sono entrati a far parte della famiglia dello sci alpinismo, mentre Nepal e India sono stati accolti come membri provvisori in attesa di avere un riconoscimento ufficiale nei prossimi mesi. Il totale di federazioi aderenti all'ISMF raggiunge così quota 36.

    Ufficializzato anche il nuovo calendario di Coppa del mondo: partenza a Bischofshofen (Ger) dal 18 al 20 gennaio 2019 con sprint e individuale, poi ad Andorra il 26/27 gennaio con individuale e vertical, terzo appuntamento a Super Devoluy (Fra) il 2-3 febbraio con individuale e sprint, dal 20 al 22 febbraio trasferta cinese a China Jilin con individuale, vertical e sprint, al termine della quale si ritorna in Europa con le prove di Disentis (Svi) del 23-24 marzo con individuale e sprint, finali a Madonna di Campiglio dal 3 al 6 aprile con sprint, individuale e vertical. I Mondiali si terranno a Villars (Sui) dal 9 al 16 marzo 2019.
  4. Sventola la bandiera italiana sulla Patrouille des Glaciers, prova di chiusura del circuito sulle Lunghe Distanze. Il trio composto da Robert Antonioli, Matteo Eydallin e Michele Boscacci è salito sul gradino più alto del podio concludendo i 53 chilometri in programma sulle montagne intorno a Zermatt con il tempo complessivo 5h35'27", nuovo primato della competizione. Per Eydallin e Boscacci si tratta del secondo trionfo nella manifestazione dopo quello ottenuto nel 2014, per Antonioli invece è la prima volta. Al secondo psoto si sono piazzati gli svizzeri Martin Anthamatten/Rémi Bonnet/Werner Marti, in ritardo di 10'01", terzo posto per William Bon Mardion/Jakob Herrmann/Xavier Gachet a 16'11".

    Fuori dal podio gli altri azzurri Manfred Reichegger/Nadir Maguet/Davide Magnini, quarti a poco meno di 35', quinto posto per Yannick Ecoeur/Andreas Steindl/Iwan Arnold a 35'27", seguono sesti Alexis Sévennec/Valentin Favre/Didier Blanc, settimi Yoann Sert/Joris Perillat Pessey/Samuel Equy, ottavi Filippo Beccari/Martin Stofner/Lars Erik Skjervheim, noni Fabio Pasini/Daniel Antonioli/Richard Tiraboschi, e decimi Mirco Pervangher/Luca Morelli/Cristian Minoggio. La prova femminile ha premiato le favorite della vigilia Jennifer Fiechter/Axelle Mollaret/Laetitia Roux in 7h15’34”, seconda posizione per Séverine Pont Combe/Victoria Kreuzer/Katia Tomatis in 7h31’11”.

  5. Siamo alla vigilia della Patrouille des Glaciers, quarta e ultima prova del circuito "La Grande Course" dopo Altitoy-Ternua, Pierra Menta e Tour Du Rutor. Il programma della competizione si snoda come da tradizione lungo due tappe sulle Alpi svizzere: la prima da Zermatt martedì 17 aprile, la seconda venerdì 20 aprile dalle 22 con primi arrivi previsti a Verbier intorno alle 7 di sabato 21 aprile.

    Trattandosi di una manifestazione a squadre (composte da tre atleti per ogni pattuglia), saranno al via i maggiori protagonisti del circuito internazionale, a cominciare dai due team del Centro Sportivo Esercito composti da Robert Antonioli, Matteo Eydallin, Michele Boscacci da una parte e da Manfred Reichegger, Nadir Maguet e Davide Magnini dall'altra. Fra i favoriti per il successo conclusivo ci saranno anche gli elvetici Yannick Ecoeur/Andreas Steindl/Rémi Bonnet e Martin Anthamatten/Iwan Arnold/Werner Marti, presenti pure William Bon Mardion/Xavier Gachet/Jakob Herrmann, Sevennec-Favre-Blanc. Nella gara femminile guidano la ista delle favorite Jennifer Fiechter/Axelle Mollaret/Laetitia Roux, seguite da Séverine Pont Combe/Victoria Kreuzer/Katia Tomatis, in lizza per il podio anche Johanna Erhart/Veronika Mayerhofer/Malene Blikken Haukoy e KatrinBieler/Annie Bieler/Dimitra Theocharis.